Tra emergenza e speranza, Naval Interior non si ferma

9 Dicembre 2020

Il presente e il (prossimo) futuro dell’industria navale passano anche da qui

L’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19 continua ad avere un forte impatto su tutto il settore della crocieristica. Il nostro lavoro dietro le quinte continua perché i grandi progetti, a medio e lungo termine, non si fermano e tutti gli attori dell’industria navale proseguono nel progettare e mettere in cantiere nuovi e sempre più moderni allestimenti per navi da crociera e yatch.

Nei nostri laboratori fervono le attività

Nei nostri laboratori e le nostre officine, con tutte le precauzioni del caso e i più rigidi protocolli di sicurezza, continuiamo a dare forma e vita ai grandi progetti di interni e arredi navali legati alle prestigiose commesse. La seconda linea di lavorazione, legata ai materiali integrati agli arredi, come il ferro, è in piena attività e l’utilizzo di mezzi performanti e di tecniche di industria 4.0 ci consente di ottimizzare tempi e risorse.

Nel frattempo, osserviamo interessati quello che succede intorno a noi e che coinvolge le grandi compagnie navali e crocieristiche per le quali i nostri committenti operano. Le grandi compagnie, infatti, propongono soluzioni diverse per far fronte ai cambiamenti in atto e in continua evoluzione e permettere a tutte le loro navi di attrezzarsi per rispettare protocolli che consentano ai viaggiatori, nei prossimi mesi, di godersi una crociera in tutta sicurezza.

Da Princess Cruises a Royal Caribbean: tra stop e novità

Princess Cruises, per esempio, ha deciso per uno stop di tutte le navi da crociera con homeport statunitensi fino al prossimo 31 marzo, così da mettere a punto il piano di sicurezza che soddisfi gli standard richiesti dal Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti. Anche Carnival Cruise Line ha sospeso la navigazione e cancellato le crociere in programma nelle acque degli USA a febbraio e marzo. Royal Caribbean, invece, che ha già messo a punto i protocolli anti Covid, ha lanciato un’idea originale per testarli in vista dell’esame previsto dal Centers for Disease Control and Prevention Usa: volontari a bordo di crociere simulate per testare dotazioni e protocolli. In 20mila si sono già offerti per una crociera gratis tra Miami e CocoCay, l’isola privata di Royal alle Bahamas.

Dal nostro canto ci impegniamo a fornire il massimo della nostra esperienza e delle nostre lavorazioni artigianali unite alle innovazioni tecniche di produzione per contribuire alla creazione di altre meraviglie galleggianti. Quelle che domani, quando l’incubo della pandemia sarà finalmente alle nostre spalle, torneranno a solcare i mari di tutto il mondo e a regalare sogni.